Login

Chi è on.line

Abbiamo 859 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3266
Web Links
4
Visite agli articoli
8684340
LOGIN/REGISTRATI
Lunedì, 14 Ottobre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

daviplant

 

Nell'azienda DAVIPLANT la seconda tappa del convengo "Un viaggio nel Veneto che produce".

Un viaggio nel Veneto che produce. È questo il titolo del convegno itinerante, organizzato dalla federazione veneta delle Bcc in occasione del 130° anniversario dalla fondazione del movimento cooperativo. Nasceva, infatti, 130 anni fa a Loreggia, nel Padovano, la prima Cassa rurale italiana. Ieri, l’azienda ospitante del convegno è stata la Daviplant di Lusia dei fratelli Davì. Presenti Mosè Davì, titolare dell’azienda, Ilario Novella, presidente della federazione veneta Bcc, Giovanni Vianello, presidente di Bancadria, Mario Borin, direttore della Cna Veneto, Luca Felletti, vicedirettore generale Veneto Sviluppo Spa, Mauro Giuriolo, presidente di Coldiretti; moderatore dell’incontro Alberto Garbellini, giornalista della “Voce” di Rovigo. Tra il pubblico, anche Lorenzo Liviero, presidente di Rovigo Banca, e Giovanni Piasentini, presidente di Bcc Polesine. Il percorso itinerante è del tutto innovativo ed è volto a favorire uno scambio di opinioni ed esperienze tra banche, imprese, associazioni imprenditoriali per guardare al futuro e rilanciare le Bcc venete, banche strettamente ancorate al territorio e al tessuto economico locale. Gabriele Davì, uno dei titolari dell’azienda ospitante, responsabile della produzione, ne ha presentato brevemente la storia e ha mostrato ai presenti i vivai. “Quindici anni fa l’azienda si è automatizzata - ha affermato - e ha quadruplicato il fatturato, mantenendo lo stesso numero di personale. Il servizio puntuale è scontato, ma deve anche essere concorrenziale”. Ha parlato dei diversi step nell’attività, a partire dalla zona semina, al gruppo distensione fino all’imballaggio e alla consegna del carico al cliente. Ad aprire il dibattito è stato invece Mosè Davì, responsabile dell’aspetto commerciale, il quale ha presentato un video, in cui ha mostrato le aziende Davì attualmente sul territorio e ha illustrato nei dettagli le fasi della loro attività, ricordando la terribile tromba d’aria del ’92. “Siamo ripartiti - ha detto - grazie all’unità della famiglia, alla divisione dei ruoli all’interno dell’azienda, agli investimenti fatti 10 anni fa nella tecnologia”. In merito alla situazione del sistema bancario attuale, è intervenuto Ilario Novella, presidente della federazione veneta Bcc: “In Veneto abbiamo 36 banche, 4.800 dipendenti, 132mila soci e 630 filiali; il 95% è riversato sul territorio, stiamo lavorando sul modello credito cooperativo per renderlo più efficace, perché le Bcc non sono esenti dalle difficoltà; siamo il baluardo delle piccole imprese e siamo in stretta connessione col territorio, l’attuazione del federalismo bancario”. Giovanni Vianello, presidente di Bancadria, ha continuato: “Non ci sono banche che rifiutano finanziamenti, ma l’economia disastrata ormai da cinque anni ha messo l’imprenditoria in condizione di non fare richieste di finanziamento. I cambiamenti ci sono stati imposti, ma il nostro interesse è sul territorio. Occorre fare un certo tipo di credito in ragione del ruolo sul territorio, integrarlo con l’etica e con l’ambiente”. Luca Felletti, vicedirettore generale di Veneto Sviluppo Spa, ha fatto considerazioni relativamente al tessuto economico locale: “Oggi operiamo in un contesto in cui la laboriosità degli imprenditori è elevata, ma la programmazione finanziaria e l’organizzazione aziendale è carente. Fino a ieri, come Veneto Sviluppo, abbiamo supportato con strumenti vecchi, ora invece abbiamo chiuso un accordo per allungare i piani di ammortamento, la liquidità, per rinnovare le linee di credito esistenti e per averne di nuove. Veneto Sviluppo è il primo soggetto che paga se le cose non vanno bene. Ci saranno infatti i medesimi fondi di rotazione per chi attingerà dal commercio, dall’artigianato e dall’industria, un’unica procedura per semplificare la vita all’imprenditore”. Mario Borin, direttore della Cna Veneto, ha proseguito: “E' un momento difficile per l’impresa e ciò si ripercuote sul sistema finanziario, ma c’è un aumento della richiesta e di sensibilità anche verso una certa tipologia di investimento che ci fa sperare. Da parte del sistema bancario c’è minor disponibilità a finanziare, le imprese chiedono ma non ci sono le risposte. Occorre aumentare la cultura finanziaria all’interno dell’impresa, perché a volte si chiedono strumenti che all’impresa non servono. Come associazione, lavoriamo col Consorzio Fidi, che opera in Veneto e Lombardia e si impatta con il sistema delle piccole imprese”. Il Veneto, locomotiva d’Italia, ha rallentato in questi ultimi tempi, ma i presenti hanno sottolineato che solo lavorando in rete il futuro di banche, artigiani, commercianti, imprenditori sarà migliore. Poi sono seguiti altri interventi, tra cui quello di Mauro Giuriolo che ha sostenuto: “Il dinamismo della nostra regione arranca, ma rendere l’imprenditoria ad personam ha permesso di lenire la difficoltà delle imprese. Il credito buono per le nostre imprese è vitale”. Quindi, hanno parlato altri rappresentanti delle associazioni di categoria. Ecco le prossime tappe del convegno: domani alla Magis spa di Torre (Venezia), martedì 15 ottobre alle Cantine Masi a Sant’Ambrogio di Valpolicella (Verona), mercoledì 16 ottobre alla Galdi spa di Paese (Treviso), giovedì 17 ottobre al Molino Quaglia di Vighizzolo d’Este (Padova), e ancora, l’appuntamento celebrativo, venerdì 25 ottobre al Teatro Verdi di Padova e, tappa finale, il 6 dicembre a Belluno, con la tappa della solidarietà. Elisa Targa

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

responsabilità Ecoambiente interventi Civitanova annunciato referendum capogruppo responsabile dichiarato associazioni Comunicato possibilità all'interno dipendenti attraverso amministrazione condizioni lavoratori condannato manifestazione intervento Alessandro commissione pubblicato democrazia Redazionale maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information